Pettole

Category

Yields4 Servings
Prep Time10 minsCook Time15 minsTotal Time25 mins

Oggi, in quasi tutta la provincia di Taranto, si preparano le pettole di Santa Cecilia...mia madre invece era solita prepararle per l'Immacolata. Comunque da qualsiasi parte della Puglia o d'Italia mi seguiate, oggi vi lascio la mia ricetta delle PETTOLE.
 500 g di farina 0
 300350 g di acqua a temperatura ambiente
 10 g sale
 ½ cubetto di lievito di birra (io le faccio con 150g di lievito madre)
 olio di semi di arachidi per friggere

1

Setacciate la farina in una coppa capiente, versateci il sale e mescolate bene, poi il lievito sbriciolato e versateci inizialmente 300g di acqua a temperatura ambiente...molti di voi saranno abituati a riscaldare l'acqua, che per carità va bene se usiamo acqua di rubinetto che certamente non esce a temperatura ambiente, ma badate bene a non farla diventare troppo calda altrimenti si va a neutralizzare l'azione del lievito. Quindi amalgamiamo bene e iniziamo a far prendere corpo all'impasto.

2

Aggiungiamo man mano altra acqua e impastiamo fino ad avere un composto elastico e molto appiccicoso, ma attenzione a non farlo diventare una pastella. Quindi sbattiamo un po' l'impasto come se volessimo schiaffeggiare qualcuno, almeno per 5 minuti. Poi copriamo con pellicola e lasciamo lievitare.

3

Il mio segrete per delle pettole soffici dentro e croccanti fuori sono le pieghe. Un tempo vedere mia madre prendere a schiaffi l'impasto ogni 15 minuti, ora io prendo i 4 lembi dell'impasto e li porto al centro, ogni 15/20 minuti per 3 volte. Poi chiudo e lascio lievitare fino a quando il volume non è triplicato.

4

Far scaldare bene l'olio in una padella e, con l'aiuto di due cucchiai bagnati, quindi preparatevi una coppetta con dell'acqua, prelevate piccole quantità di impasto e fatele scivolare nell'olio bollente. Giratele con cura e cuocete fino a doratura.

5

Io le preparo spesso perché ai miei figli piacciono molto accompagnati con i salumi...io le adoro con i peperoni arrostiti e conditi con capperi e sedano...slurp

6

Ricordo che mia madre, dopo averle gustate salate, ce le faceva intingere nello zucchero, come dolcetto finale.
Durante il periodo che abbiamo vissuto a Martina Franca, le abbiamo assaggiate con il mosto di fichi, buone...Io quest'anno ho voluto abbinarle con il mio vin cotto di mele cotogne...divine, mio figlio, il golosone di casa, le ha divorate!!!

Ingredients

Oggi, in quasi tutta la provincia di Taranto, si preparano le pettole di Santa Cecilia...mia madre invece era solita prepararle per l'Immacolata. Comunque da qualsiasi parte della Puglia o d'Italia mi seguiate, oggi vi lascio la mia ricetta delle PETTOLE.
 500 g di farina 0
 300350 g di acqua a temperatura ambiente
 10 g sale
 ½ cubetto di lievito di birra (io le faccio con 150g di lievito madre)
 olio di semi di arachidi per friggere

Directions

1

Setacciate la farina in una coppa capiente, versateci il sale e mescolate bene, poi il lievito sbriciolato e versateci inizialmente 300g di acqua a temperatura ambiente...molti di voi saranno abituati a riscaldare l'acqua, che per carità va bene se usiamo acqua di rubinetto che certamente non esce a temperatura ambiente, ma badate bene a non farla diventare troppo calda altrimenti si va a neutralizzare l'azione del lievito. Quindi amalgamiamo bene e iniziamo a far prendere corpo all'impasto.

2

Aggiungiamo man mano altra acqua e impastiamo fino ad avere un composto elastico e molto appiccicoso, ma attenzione a non farlo diventare una pastella. Quindi sbattiamo un po' l'impasto come se volessimo schiaffeggiare qualcuno, almeno per 5 minuti. Poi copriamo con pellicola e lasciamo lievitare.

3

Il mio segrete per delle pettole soffici dentro e croccanti fuori sono le pieghe. Un tempo vedere mia madre prendere a schiaffi l'impasto ogni 15 minuti, ora io prendo i 4 lembi dell'impasto e li porto al centro, ogni 15/20 minuti per 3 volte. Poi chiudo e lascio lievitare fino a quando il volume non è triplicato.

4

Far scaldare bene l'olio in una padella e, con l'aiuto di due cucchiai bagnati, quindi preparatevi una coppetta con dell'acqua, prelevate piccole quantità di impasto e fatele scivolare nell'olio bollente. Giratele con cura e cuocete fino a doratura.

5

Io le preparo spesso perché ai miei figli piacciono molto accompagnati con i salumi...io le adoro con i peperoni arrostiti e conditi con capperi e sedano...slurp

6

Ricordo che mia madre, dopo averle gustate salate, ce le faceva intingere nello zucchero, come dolcetto finale.
Durante il periodo che abbiamo vissuto a Martina Franca, le abbiamo assaggiate con il mosto di fichi, buone...Io quest'anno ho voluto abbinarle con il mio vin cotto di mele cotogne...divine, mio figlio, il golosone di casa, le ha divorate!!!

Pettole
(Visited 50 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *